SEGRETI DI STATO (LR Network)
Il giornale tematico del gruppo Liberoreporter sul periodo più buio della Repubblica italiana

Strage di Natale: “Riina il mandante? Io non ci credo”

345
strageRapido904Bologna, 28 aprile 2011 – La sera del sera del 23 dicembre 1984 si portò via in un attimo 15 vite e molte altre le cambiò. Come quella di Fabrizio Matarazzo, fratello di Luisella, una ragazza di 25 anni che stava tornando a Bologna da Firenze con l?amica Valeria Moratello a bordo del rapido 904 che esplose sotto la galleria tra Vernio e San Benedetto Val di Sambro. Da ieri la strage di Natale ha un presunto mandante, Totò Riina, il capo dei capi di Cosa Nostra, al quale è stato notificato dietro le sbarre un ordine di custodia della Dda di Napoli. Per Fabrizio, che ora ha 48 anni ed è un ingegnere, la notizia non cambia la visione delle cose e, soprattutto, non porta un contributo definitivo di chiarezza. «Mi viene difficile pensare a Riina come mandante di questa storia ? dice ?. Non mi è mai apparso come quella figura di vertice che ci viene dipinta. Ho l?impressione che siamo sempre al livello della manodopera, dubito che questa sia la fine della storia».
A 19 anni dalla condanna definitiva all?ergastolo di Pippo Calò, il “cassiere della mafia”, l’improvviso sviluppo delle indagini ha sorpreso il fratello di Luisella: «La situazione sembrava ferma e ormai lontana dall?interesse delle procure». Anche per Paolo Bolognesi, presidente dell’ associazione vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980, il provvedimento nei confronti del boss di Cosa Nostra non scrive la parola fine sulla vicenda. «Che ci fosse la mano della mafia dietro il Rapido 904 era già stato sancito dalla sentenza su Calò ma la ricorrenza con l’esplosivo di via D’Amelio? sottolinea? conferma semmai che la mafia probabilmente ebbe il ruolo di mera esecutrice: menti esterne, tutte italiane, hanno utilizzato la mafia come braccio armato». Torna il parallelo con Bologna, il collegamento con ambienti dell’estrema destra e l’ipotesi che i registi fossero nascosti dentro lo Stato: «Vorrei ricordare che secondo la commissione Mitrokhin Carlos avrebbe avuto un ruolo anche nella strage di Natale ma questa è l’ennesima dimostrazione che con le stragi italiane Carlos non c’entra niente».

L’EX PM Claudio Nunziata, ora in pensione , svolse il primo sopralluogo sul posto a strage appena avvenuta: «Ho gestito i primi quattro mesi d?inchiesta ? ricorda ?, poi trasmettemmo il fascicolo per competenza a Firenze dopo aver imboccato la pista napoletana che ha portato alle successive condanne. Fin da allora emerse un quadro di accordi tra ambienti mafiosi e criminalità di destra, dunque non mi stupisce affatto il coinvolgimento di Totò Riina. E? consequenziale, nessuno poteva pensare che Pippo Calò agisse in maniera isolata»

Fonte: Il Resto del Carlino

 




Lascia un commento