SEGRETI DI STATO (LR Network)
Il giornale tematico del gruppo Liberoreporter sul periodo più buio della Repubblica italiana

Stop ai risarcimenti alle vittime della strage di Ustica (da Repubblica.it)

110

repubblica_strage-usticaLa Corte d’appello di Palermo ha sospeso il pagamento di 110 milioni di euro per i risarcimenti in favore dei familiari costituiti parte civile. Il pronunciamento ha accolto il ricorso dell’avvocatura dello Stato per conto dei ministeri della Difesa e dei Trasporti condannati a pagare dai giudici del tribunale

PALERMO – E’ una sentenza destinata a scatenare polemiche e certamente l’indignazione dei familiari delle vittime. Stop ai risarcimenti per il disastro aereo di Ustica. Ventisette anni dopo l’incidente che fece 81 vittime tra i passeggeri e l’equipaggio del Dc 9 in volo da Bologna a palermo, la corte d’appello del capoluogo siciliano ha sospeso il pagamento di 110 milioni di euro per i risarcimenti in favore dei familiari costituitisi parte civile. Il pronunciamento, che ha accolto il ricorso dell’avvocatura dello Stato per conto dei ministeri della Difesa e dei Trasporti condannati a pagare dai giudici del tribunale, è della prima sezione civile della corte d’appello presieduta da Rocco Camerata Scovazza che ha motivato la decisione spiegando che la sentenza di primo grado non basta e sarà il processo d’appello a stabilire se esistano i presupposti di uin risarcimento e, se sì, per quale ammontare.

Secondo il collegio presieduto da Camerata Scovazzo ” il pagamento immediato di una somma di assoluta rilevanza”, appunto i 110 milioni di euro stabiliti dal tribunale, potrebbe creare “grave danno al debitore a fonte di un’impugnazione che non evidenzia profili di evidente infondatezza”.  Ad acuire l’indignazione delle famiglie i tempi incredibilmente lunghi della giustizia. Il processo d’appello infatti è stato rinviato di ben tre anni al 15 aprile 2015, quando saranno trascorsi 35 anni dal disastro aereo.

(da Repubblica.it – ALESSANDRA ZINITI – 16 marzo 2012)




Lascia un commento