SEGRETI DI STATO (LR Network)
Il giornale tematico del gruppo Liberoreporter sul periodo più buio della Repubblica italiana

Ustica: Stato fa appello contro risarcimento familiari, la rabbia dei legali

itavia_strage_usticaLo Stato si appella contro il risarcimento deciso nei mesi scorsi dai giudici a favore dei familiari delle vittime della strage aerea di Ustica. L’Avvocatura dello Stato ha presentato alla Corte di appello civile di Palermo una memoria di 150 pagine in cui chiede il rigetto delle domande di risarcimento che il Tribunale aveva concesso lo scorso ottobre a un gruppo di familiari delle vittime della tragedia Itavia del 27 giugno 1980 quando morirono 81 persone. Non solo. L’Avvocato dello Stato Maurilio Mango nella memoria chiede anche di mettere a carico degli stessi familiari il ”pagamento delle spese”. Una notizia che provoca la rabbia dei legali dei familiari. “Desta davvero stupore questa decisione – spiega all’Adnkronos l’avvocato Vanessa Fallica – perché rimettere di nuovo in ballo la dinamica del sinistro obiettivamente è fuori luogo. Perché noi abbiamo già un accertamento effettuato in Cassazione sulla dinamica e le responsabilità dello Stato. Non si può mettere in dubbio la responsabilità dello Stato già accertata”. Per l’avvocato Fallica “bisogna andare avanti per cercare di placare il sentimento di questi familiari che vengono attaccati a distanza di 30 anni solo perché rivendicano un loro diritto di avere risarcita ciò che gli spetta per i parenti morti in modo così assurdo”.

L’avvocato Fallica spiega poi che l’Avvocatura dello Stato spiega che in questo “modo viene di nuovo messo in gioco tutto come se già non si fosse ottenuto un accertamento del fatto” e ha “messo in gioco che non si ha certezza che si sia trattato di un missile, insomma ha rimesso tutto in ballo eccependo anche la circostanza che i familiari già sono stati sostenuti dallo Stato. Ci sono 150 pagine di memoria che rimettono tutto in gioco. L’Avvocatura dello Stato continua così la sua guerra contro i familiari”.

 




Lascia una risposta